Menu Principale  

   

Chi è online  

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online

   

Multimedia  

   

Come Eravamo  

   

Risorse  

   

Login  

AREA RISERVATA

   
   

Storia Sezione

STORIA  DEL  RADIANTISMO PALERMITANO e della SEZIONE  ARI  di  Palermo

Allo scoppio della I° guerra mondiale un giovanotto palermitano, fresco costruttore navale di I° classe, diplomato a pieni voti al Politecnico di Milano, fu assegnato in quel di La Spezia dove era installata una stazione radio di Marconi, gestita dalla Regia Marina. Si Chiamava La Porta ed ebbe la fortuna di conoscere Marconi nel 1919. In breve divenne  un valente tecnico e venne trasferito, per la sua capacità, al Reparto Officina RT della Regia Nave Officina Vulcano. Con il congedo alle armi nel 1921, la Sicilia ebbe il suo primo radiotecnico e il suo primo radiodilettante, come erano chiamati allora i radioamatori, “PIRATA” !

L’interesse per le comunicazioni da parte di privati cittadini crebbe a dismisura in tutto il mondo e al 1° dicembre 1927, data di fondazione della nostra Associazione,  che allora si chiamava Associazione Radiotecnica Italiana, risultavano iscritti   i seguenti radioamatori palermitani che però avevano iniziato la loro attività radiodilettantistica qualche anno prima :

1AV  Ing. Giovanni Lo Bue – Delegato  Provinciale ARI - 1AH  Nicola Mannarelli - 1DQ  Augusto Hugony - 1DS  Ferdinando Morillo di Trabonella .

Il prefisso non veniva assegnato dal Ministero e per l’identificazione venivano usate, dalle stazioni italiane, le lettere EI, suggerite dalla ARRL, che significavano: E: Europa – I: Italia –  (Es.: EI1AV)

I prefissi proposti dalla ARRL furono adottati dai radioamatori di tutto il mondo ed andarono in vigore il I° febbraio 1927.

Solo dopo la Conferenza Internazionale delle Telecomunicazioni del 1934, divenne obbligatoria la identificazione delle stazioni radioamatoriali , secondo la tabella ITU, che anno dopo anno ha subito qualche cambiamento.

Vi furono anni bui durante il ventennio fascista poiché, salvo eccezioni, vennero revocati tutti i permessi. I radioamatori italiani continuarono la loro attività in clandestinità ed usavano come antenne il filo di ferro per sciorinare la biancheria, antenne interne  o le reti del letto poste nel terrazzo di casa  come facevano i nostri concittadini Giovanni Sinagra (I1KB) e Ciccio Ribolla I1BLL (o IT9RFF).

Nel 1946, per sorteggio,  furono rilasciate in Italia solo 40 licenze provvisorie. L’unico siciliano fu  il Dr. Giovanni Sinagra di Palermo, che aveva iniziato la sua attività durante il ventennio fascista, al  quale fu assegnato il nominativo  “ I1KB “.

 Man mano le licenze in Italia si moltiplicarono e nel 1948 i radioamatori a Palermo contavano   una  quindicina, non tutti Soci dell’ARI.

Nel 1948 fu fondato il Gruppo ARI  poiché i Soci non raggiungevano il numero minimo di 15 unità richiesti dallo Statuto per la costituzione in Sezione.

Nel 1950 si costituì la Sezione ARI di Palermo sotto la Presidenza di I1BXX con il minimo dei Soci chiesto dallo Statuto ed ufficializzata con una circolare.

Alla fine del 1953, con la fusione tra l’ARI e il Radio Club Amatori e il riversamento dei Soci di questa Associazione nell’ARI, nel gennaio del  1954 la Sezione era composta dai seguenti radioamatori:.

IT1AGA - IT1APD - IT1APE - IT1BDE - IT1BGE - IT1BLL (ora IT9RFF) - IT1BXX - IT1CFN - IT1CKR - IT1CLP – IT1CTH - IT9LOM - IT1MFD - IT1PA - IT1SEM - IT1SKI (ora IT9XUL) - IT1TAI - IT1ZGY - IT1ZWS - Renato Mori (ora IT9MWO)  - I due fratelli Casiglia - Ing.  Ugo Catalano.

N.B. Sino al 1950 il nominativo assegnato alla Sicilia era identico a quello del resto d’Italia. Nel 1951 il Ministro assegnò agli OM siciliani il prefisso IT1 che in seguito, con l’avvento del Codice di Avviamento Postale, fu sostituito con l’attuale IT9

I Presidenti che si sono susseguiti nella Sezione di Palermo, dal 1950 in poi, sono in ordine:

IT1BXX – IT1TAI – IT1AGA – IT1EUR – IT1LUP – IT1ZGY – IT9ZWS – IT9ENB  IT9BLB – IT9PAD – IT9TQH

 

Per visualizzare l'intero documento scarica il pdf  

   
Copyright 2011 ARIPALERMO.ORG. Tutti i diritti riservati.
© 2017 - Webmaster IT9CDU - it9cdu@aripalermo.org